Le Monde Festival

La prima edizione di Le Monde Festival, nel settembre 2014, ha accolto all’incirca 14000 partecipanti. Le Monde si prepara quindi ad accoglierne altrettanti se non di più quest’anno, per la seconda edizione, in programma a Parigi dal 25 al 27 settembre. Il titolo dell’edizione 2015 – “Cambiare il mondo” – suona come un’utopia e intende proiettarsi nel futuro. Come per l’edizione 2014, i dibattiti si terranno in 3 sale dei prestigiosi Opéra Bastille e Palais-Garnier, inoltre quest’anno il Festival si allargherà e riempirà anche gli spazi di un altro luogo simbolo di Parigi, il Théâtre des Bouffes du Nord.

L’apertura del Festival si terrà venerdì 25 settembre al Cinéma Gaumont Opéra dove i partecipanti potranno assistere all’anteprima di un film il cui titolo verrà svelato nelle prossime settimane. A seguire non mancheranno eventi, spettacoli, tavole rotonde e dibattiti con personaggi influenti venuti da tutto il mondo.

Con in mente sempre il tema portante di questa edizione del Festival, si parlerà – tra le altre cose – dei giovani che vogliono cambiare il mondo, della laicità, delle religioni e della libertà d’espressione, ma anche di come uscire dalla crisi politica francese. L’intento di questa seconda edizione è un respiro ancor più ampio, parlare della realtà francese ma anche di quella internazionale.

Le Monde si vuole infatti al centro di un dibattito di idee che coinvolga la cultura e tutte le culture. Tra gli influenti personaggi che prenderanno parte alle “conversazioni” con il pubblico, ci saranno Thomas Piketty, direttore de l’École des hautes études en sciences sociales (EHESS) e professore all’École d’économie de Paris, autore tra l’altro del best seller internazionale Il capitale nel XXI secolo, che riprende i temi dei suoi studi sulla concentrazione e sulla distribuzione della ricchezza negli ultimi 250 anni; Eugeny Morozov, sociologo e giornalista bielorusso, esperto di nuovi media, che vede il mondo di domani a partire dall’invasione tecnologica e digitale; Emmanuel Macron, attuale Ministro dell’Economia francese, e anche lo scrittore italiano Alessandro Baricco, che si interrogherà sull’avvenire e sul potere della cultura in un mondo sempre più dominato da I Barbari, dal titolo del suo saggio tradotto per Gallimard nel 2014. I partner di questa avventura sono EDF, la MGEN, Orange e l’Oréal.

Informazioni pratiche

Dove: Parigi – Opéra Bastille, Palais-Granier e Théâtre des Bouffes du Nord
Quando: 25, 26 e 27 settembre 2015

Chiara Casamenti

Nessun Commento

Lascia un commento