28 Ottobre 2021

La transizione ecologica : una analisi franco-italiana

Transizione ecologica in Francia

La Francia ha superato il suo obiettivo di riduzione delle emissioni di gas a effetto serra nel 2019. Per quanto riguarda la transizione verso un’economia circolare, l’Italia è il leader europeo. Nonostante risultati incoraggianti, la mancanza di ambizione nella lotta contro il riscaldamento globale è fortemente denunciata da varie ONG e attori ambientali in entrambi i paesi. Ma a che punto sono le transizioni ecologiche francesi e italiane? Mentre la Francia mostra un certo dinamismo giuridico e politico sulla questione delle sfide ambientali, una risposta simile manca in Italia. Questo divario si riflette nell’Environmental Performance Index (EPI) pubblicato dalla Yale University. Nel 2020, la Francia è arrivata quinta; l’Italia ventesima. Tuttavia, l’arrivo di un nuovo ministro a capo del Ministero della Transizione Ecologica e le misure faro tra cui l’educazione ambientale obbligatoria nelle scuole sembrano segnare l’inizio di una nuova era in Italia. Mentre i due paesi sono nel mezzo di una “luna di miele” economica e politica, ci si può aspettare una collaborazione sulle strategie di adattamento all’interno del panorama europeo mentre Bruxelles stabilisce la sua rotta per il Green Deal europeo.

Una transizione inserita in un quadro legale

L’arrivo di Mario Draghi a capo del governo italiano è stato seguito da una linea di condotta più ambiziosa sulla transizione ecologica. Infatti, quest’ultimo ha nominato il fisico Roberto Cingolani a capo di un nuovo Ministero per la Transizione Ecologica – noto anche come MITE. Con un bilancio di 77 miliardi di euro, dispone di risorse senza precedenti. In Francia, un ministero dedicato alla transizione ecologica esiste dal 2017, ma gli eventi recenti hanno accelerato le prospettive di transizione. Un nuovo progetto di legge, la legge “Clima e resilienza”, è stato definitivamente adottato in Parlamento il 20 luglio. Mira a dare credibilità all’impegno di ridurre le emissioni di gas serra del 40% entro il 2030. Tra le nuove misure faro ci sono la creazione di zone a basse emissioni nelle grandi città, la regolamentazione della pubblicità per i combustibili fossili, la creazione di un reato di ecocidio e il divieto di viaggiare in aereo quando esiste un’alternativa in treno per un viaggio di meno di 2,5 ore. I 69 articoli riflettono alcune delle 146 proposte della Convenzione dei Cittadini per il Clima formata nell’ottobre 2019. Altre leggi sono in linea con questa svolta ecologica, come la legge Agec – legge anti-spreco per un’economia circolare – adottata in Parlamento nel 2020. Questa legge mira a trasformare in profondità il sistema francese agendo in particolare verso la fine della plastica usa e getta e l’azione contro l’obsolescenza programmata. Entro il 2040, prevede anche la fine degli imballaggi monouso sul mercato. Infine, alcune ONG o organismi come l’Alto Consiglio per il Clima (ACC) criticano le misure prese dal governo francese sulla transizione ecologica. L’ACC è un organismo indipendente creato dal Presidente della Repubblica nel 2018. La sua missione è di dare consigli e fare raccomandazioni sull’attuazione delle politiche e delle misure pubbliche per ridurre le emissioni di gas a effetto serra della Francia. Nel 2021, l’ACC ha denunciato l’inadeguatezza della strategia nazionale di adattamento nel suo rapporto annuale. In Italia non esiste ancora una legge sul clima, né un organismo di controllo come l’ACC francese. Questo è un vuoto giuridico che diverse organizzazioni influenti come Legambiente e WWF hanno denunciato.

Le aziende francesi e italiane: protagoniste della transizione

Mentre il cambiamento verso un’economia più verde è spinto “dall’alto”, all’interno di un quadro giuridico nazionale e internazionale, le imprese sono anche al centro della transizione. Nell’ambito del piano France Relance, Ademe – l’Agenzia per la transizione ecologica – fornisce consulenza e aiuti finanziari per sostenere gli agenti socio-economici nelle loro strategie di adattamento. Secondo Arnaud Leroy, capo dell’agenzia: « Le aziende hanno capito che la loro sopravvivenza dipende da questa trasformazione. ». Hanno risposto più che positivamente alle richieste di progetti. Che sia per convinzione o per opportunismo, le cifre mostrano una svolta negli investimenti ambientali delle imprese francesi. Infatti, secondo uno studio di Bpifrance-Le Lab condotto tra mille aziende, l’obiettivo “ambientale” è citato dal 35% dei manager, una proporzione di nove punti superiore alla media osservata nel 2018. Tra le aziende emblematiche che hanno lavorato con Ademe c’è Décathlon, con una collaborazione su un display tessile ambientale. Intervistato dalla rivista Challenges, Arnaud Leroy ha anche preso come esempio il gruppo Seb, il numero uno al mondo nei piccoli elettrodomestici, che ha costruito elettrodomestici che possono essere riparati durante 10 anni grazie alla stampa 3D. Sul versante italiano, la tendenza all’investimento “verde” è simile. Recentemente, ERG, il principale operatore italiano di energia eolica, e TIM, il gruppo di telecomunicazioni, hanno firmato l’accordo a lungo termine più lungo del paese. Prevede che ERG fornisca a TIM il 100% di energia verde da impianti elettrici, direttamente dal suo portafoglio per 10 anni. Secondo il rapporto GreenItaly 2020, l’Italia guida l’Europa nell’economia circolare con il 79% di riciclaggio dei rifiuti, seguita dalla Francia con il 56%. Con la Lombardia all’avanguardia nella transizione, la città di Milano è vista come un orgoglio nazionale per il suo programma di gestione dei rifiuti. Il paese è anche al primo posto in Europa per il numero di imprese di agricoltura biologica. Mentre questi risultati sono incoraggianti, uno studio di sostenibilità Sap di 19 paesi, tra cui l’Italia, suggerisce che la strada da percorrere è irta di difficoltà. Alla domanda sui maggiori ostacoli all’attuazione di una strategia di adattamento, il 35% delle aziende ha menzionato l’incertezza sulle misure da adottare, mentre il 33% ha detto di avere difficoltà a dimostrare un ritorno sugli investimenti. Tutte queste ragioni possono spiegare una certa eterogeneità nelle misure di adattamento. Nonostante queste difficoltà, la questione ambientale sembra essere vicina al cuore della comunità imprenditoriale in Francia e in Italia. Menzionato più volte nel rapporto in 10 punti dopo il 3° Forum economico della Confindustria e del Medef, che ha avuto luogo lo scorso giugno, potrebbe riunire i due paesi intorno a un obiettivo comune.

Alle spalle del cambiamento politico ed economico, un movimento sociale

In Francia, l’Affaire du Siècle – la cui petizione associata è diventata la più firmata del paese con due milioni di firme in un mese – ha mostrato un aumento della consapevolezza ecologica. Dagli anni 2010, le marce per il clima sono state organizzate in molti paesi. Riuniscono un numero crescente di partecipanti. Questi raduni sono spesso guidati da organizzazioni come Friday for Future – il famoso movimento ispirato da Greta Thunberg – o GreenPeace e Oxfam nel caso dell’Affare del secolo. In Italia, le proteste per il clima hanno riunito fino a un milione di partecipanti di tutte le generazioni. Alle elezioni europee del 2019, il voto di un quarto dei giovani francesi dai 18 ai 24 anni ha rivelato una preferenza per il partito Europe-Ecologie les Verts. Tuttavia, questa tendenza non era presente in Italia, dove gli elettori più giovani hanno preferito la Lega, così come i loro anziani, i “baby boomers” e la “generazione X”. Sembra quindi che l’ecologia sia più lontana dalle preoccupazioni politiche italiane, visto che Europe-Ecologie les Verts ha ottenuto solo il 2,3% dei voti, contro il 13,5% della Francia. Eppure gli italiani sono preoccupati per il riscaldamento globale. Secondo uno studio Lifegate del 2019, il 47% della popolazione italiana opterebbe per le energie rinnovabili anche se costano di più, una percentuale che è salita di 16 punti rispetto all’anno precedente. Allo stesso modo, il 71% degli intervistati ha detto che sceglierebbe investimenti sostenibili anche se i rendimenti fossero inferiori a quelli degli investimenti tradizionali. Infine, mentre le giovani generazioni sembrano essere in testa al movimento per il clima, uno studio sociologico francese di Maxime Gaborit e Yan Le Lann mostra una sovrarappresentazione di persone con un’istruzione superiore alle proteste ambientali, rivelando un fenomeno sociale piuttosto che generazionale. Queste osservazioni fanno eco ai recenti cambiamenti nell’ecologia e nell’educazione. A settembre, l’Italia è diventata il primo paese a rendere l’ecologia e la crisi climatica materie obbligatorie per gli studenti, una misura che avrà un ruolo cruciale nel sensibilizzare le generazioni future allo sviluppo sostenibile.

Oltre le frontiere nazionali, un’azione europea

Le transizioni ecologiche francese e italiana fanno parte della transizione a livello europeo, scandita dagli accordi e dagli obiettivi fissati dalla Commissione e dal Parlamento. In particolare, l’Unione europea ha fissato un nuovo obiettivo di riduzione delle emissioni di carbonio di oltre il 55% rispetto ai livelli del 1990 entro il 2030, rispetto al precedente obiettivo del 40%. Un cambiamento ambizioso, ma che è stato criticato. L’obiettivo di “riduzione netta”, che permette alle emissioni di gas serra di essere “compensate” da azioni come la riforestazione, è stato criticato come poco realistico da alcuni e poco ambizioso da altri. Nel suo rapporto “Not So Clean”, l’ONG Oxfam spiega che senza una chiara definizione, l’obiettivo di riduzione netta potrebbe diventare un pericoloso diversivo, evitando ai maggiori emettitori di intraprendere azioni coerenti, mentre si basa sull’uso di vasti tratti di terra nei paesi a basso reddito. Inoltre, contrariamente ai desideri del Parlamento, l’obiettivo della neutralità del carbonio non si applicherà a tutti gli Stati in modo individuale. All’interno dell’obiettivo generale, gli obiettivi individuali saranno quindi fissati in base alle differenze di emissioni e capacità. Infine, sono stati introdotti nuovi strumenti per soddisfare gli obiettivi del Green Deal europeo. 1,8 miliardi di euro di investimenti dal piano di recupero NextGenerationEU e dal bilancio dell’UE in 7 anni sono destinati a questo scopo. Per accompagnare gli obiettivi dell’accordo, una legge europea sul clima è stata adottata dal Parlamento sotto forma di un regolamento che fornirà un quadro per la transizione, compreso l’obbligo di rispettare gli obiettivi dell’accordo di Parigi. Anche se la nuova legislazione ha la forma di un regolamento direttamente applicabile, non impone obblighi specifici alle aziende. Rivolte direttamente agli Stati membri, sono responsabili dell’adozione delle misure necessarie per raggiungere gli obiettivi fissati dall’Unione europea. Nei prossimi anni, le aziende degli Stati membri possono quindi aspettarsi regolamenti che comportano la graduale eliminazione dei sussidi energetici, soprattutto per i combustibili fossili, o la possibilità di partecipare a consultazioni pubbliche sul clima e le energie non rinnovabili e lo scambio di buone pratiche volte a proteggere il clima.

Ella Tescari

Ella Tescari -

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

open page accessibility options
display page in hight contrast
Contrasto elevato
display page with big text
Ingrandisci testi
display page in grey scale color
Scala di grigio
display page in inverted colors
Colori invertiti
display page in low brightness
Bassa luminosità
display page without images
Nascondi le immagini
reset page accessibility options
Reset
closed page accessibility options
Chiudi