Fundraising: nasce Breizh Up, nuovo fondo regionale di co-investimento

Il fondo di co-investimento, di cui le basi erano state poste tramite votazione da parte della regione Bretagna nell’aprile scorso, raggiunge un nuovo obiettivo, con la scelta di un nuovo Presidente, Daniel Gallou, e di un’impresa gestionaria iSource.

L’obiettivo di questo strumento, al servizio del rinnovamento dell’economia bretone, è di accompagnare delle giovani imprese innovanti. Breizh up si posizionerà su dei “piccoli budgets”, investimenti tra 200.000 e 750.000 €, ed interverrà sempre in partenariato con uno o più clienti privati, precedentemente scelti dal fondo.

Il fondo prenderà forma di una SAS (Société par actions simplifiée). Il suo capitale sarà fornito dal Consiglio regionale, unico azionario, di 10 M€, entro fine 2015, con il sostegno dei Fondi europei (FEDER), sospinti per 8 M€; questo capitale dovrà essere raddoppiato entro il 2020. Da qui a cinque anni, Breizh up potrà essere presente in almeno 40 attività imprenditoriali.

Un Presidente, capo d’azienda, ed una società di gestione, di base a Rennes

La Presidenza è stata conferita a Daniel Gallou, fondatore dell’azienda Cité Marine, presso Kervignac. “La scelta del Consiglio, è ricaduta su di questo dirigente, per le sue competenze industriali e finanziarie”, commenta Loïg Chesnais-Girard, vice-presidente del Consiglio regionale all’economia ed all’innovazione, « per la sua esperienza internazionale, il suo impegno per lo sviluppo del territorio, e la creazione di posti di lavoro in Bretagna ».

Il Presidente si appoggerà quotidianamente alla società di gestione iSource, scelta nei termini di una prospettiva di concorrenza, per assicurare la gestione corrente dei fondi e delle sue partecipazioni, la selezione ed il seguito dei partners dei co-investitori, il rispetto delle obbligazioni legate ai cofinanziamenti FEDER. iSource impianterà un ufficio a Rennes, al fine di assicurare i suoi servizi più da vicino alla comunità bretone.

Un fondo operativo entro inizio 2016

Nelle prossime settimane, le strutture di governance, si metteranno all’opera, ed il fondo potrà stringere nuovi partenariati. I partners privati preselezionati, saranno in un primo momento dei fondi professionali, così come i circuiti di business angels. Il co-investimento permetterà alla regione di finanziare un numero elevato di giovani PMI, ed ai soggetti privati di mutualizzare i rischi ed i costi, con uno slancio significativo.

Breizh up interverrà in fondi azionari o quasi-azionari (azioni, obbligazioni…). Questo co-investimento è concomitante, i partners ed i fondi sono sottoposti alle stesse condizioni di investimento e di disinvestimento, così come i rischi.

Giovanni D’Avanzo

Nessun Commento

Lascia un commento