Turismo francese da record: i segreti del loro successo

Nel 2014 83,7 milioni di turisti stranieri hanno scelto la Francia per le loro vacanze e si prevede di raggiungere il record di 85 milioni per il 2015.

Si annuncia un altro anno record per il turismo francese. Il paese, in vetta dagli anni ’80 nella classifica dei paesi più visitati al mondo, ha diffuso recentemente alcuni dati sui visitatori nel 2015. Questo settore, che occupa circa 2 milioni di professionisti per un impatto totale del 7% sul PIL, sembra in ripresa grazie alla ritrovata crescita economica e, secondo le parole del ministro degli Affari Esteri con delega al turismo Laurent Fabius, il giro di affari è aumentato in media del 4-4,5% questa estate rispetto alla precedente.

Dopo Parigi, la montagna è di nuovo la scelta preferita dai turisti, sia Alpi che Pirenei, merito anche di un clima particolarmente favorevole nei mesi estivi. Proprio il fattore meteorologico sembra essere uno dei fattori che hanno portato agli aumenti sopra descritti, insieme alla ripresa generale dell’economia, sia in Francia che all’estero.

Aumenteranno cosi anche i numeri del turismo interno: le stime parlano di 2 milioni di francesi in più rispetto all’anno passato che si potranno permettere di andare in vacanza nel 2015 rimanendo all’interno del loro paese, preferito all’Africa del Nord per motivi di sicurezza.

Oltre al turismo interno, anche i turisti stranieri subiranno variazioni, a seconda dei paesi di provenienza, con aumenti record previsti per i visitatori cinesi (+56%), mediorientali (+20%) e indiani (+26%). Una delle cause che stimola questa forte crescita sembra essere l’abilità dei consolati francesi nel fornire visti turistici in tempi molto brevi, circa due giorni, per i turisti individuali.

Ultimo elemento da considerare per spiegare questi numeri sono le novità normative introdotte dalla Loi Macron: la creazione di dodici zone di turismo internazionale (ZTI) a Parigi e la possibilità, per determinati esercenti, di aprire anche di domenica ha avuto un impatto fortemente positivo sui ricavi.

Il supporto del Governo e una congiuntura economica in miglioramento hanno così permesso alla Francia di confermarsi leader nel mercato turistico puntando all’obbiettivo di 100 milioni di turisti nel 2030.

Federico Manto

Nessun Commento

Lascia un commento