La Francia vanta il primato delle migliori tariffe nelle telecomunicazioni

Uno studio effettuato da Charles Cevulliez, membro del Collège dell’IBPT (Authority belga per le telecomunicazioni), dimostra che nella maggior parte delle offerte tariffarie, solo il Regno Unito riesce a tallonare la Francia. La Germania è ancora molto cara.

L’IBPT, l’equivalente dell’ACERP in Francia e dell’AGCOM in Italia, ha pubblicato il 18 dicembre, il suo rapporto annuale di comparazione dei prezzi tra sei Paesi europei: Francia, Germania, Belgio, Lussemburgo, Regno Unito e Paesi Bassi. Viene confermata la fortuna che ha la Francia nelle tariffe sulle telecomunicazioni. Essa detiene il primato ovunque tranne che nelle offerte mobili prepagate. Ben 692 piani tariffari analizzati. Risultato: la Francia è nettamente meno cara nel “dual-play”, nel “triple-play”, nell’internet mobile “stand alone”, e nelle offerte per cellulare con abbonamento. Solo il Regno Unito resta al passo, mentre la Germania rimane spesso troppo cara. Per le offerte internet o i pacchetti offerta, sono dei profili tecnici (come la velocità di connessione), ad essere ripresi prima di stabilire degli usi tipo. La durata del contratto ha un’influenza sul prezzo medio: con una durata di sei mesi massimo, imposta dalla legge, il Belgio paga sicuramente un prezzo medio più elevato. Lo studio in merito ammette anche la difficoltà crescente di questo tipo di studio comparativo, per giunta di livello internazionale. È difficile prendere in considerazione degli aspetti così vari di ogni Paese (accesso agli hotspots e wi-fi, utilizzazione gratuita dei servizi di musica on-line, visione della televisione su più dispositivi, ecc.), non sono presi in conto. Come quantificarli in effetti? Allo stesso modo, essendo solo delle offerte SIM only ad essere prese in considerazione. È servito un mese di riferimento: agosto 2015.

Telefono con abbonamento

Dei sei Paesi comparati, la Francia è al top delle tariffe più basse per cellulare con abbonamento. Colui che ha bisogno del suo cellulare soltanto per chiamare o essere chiamato (120 minuti al mese/100 sms), non sborserà che 5 euro/mese in Francia, contro il doppio nel Paese che lo segue nella comparazione: la Gran Bretagna. Non è che a partire da 200 MB di connessione che la Francia raggiunge e supera leggermente la Gran Bretagna. Tra 1 GB e 2 GB di connessione al mese, Francia e Gran Bretagna giocano a nascondino nella classifica. Al contrario, non è conveniente chiamare dalla Germania, che resta ancora top 1 in questa speciale classifica.

Cellulare con tessera prepagata

Per il cellulare con tessera prepagata, la classifica non cambia: salvo un’eccezione, è la Francia che resta sistematicamente prima. Invece di 5 euro/mese, per 50 minuti di chiamate e 100 sms, si arriva a pagare fino a 18,40 €! Se si sceglie di utilizzare in maniera più intensa la connessione mobile in Francia, risulta più conveniente una formula ad abbonamento: 1 GB di connessione al mese, vi costerà 33,16 euro.

Telefono fisso

Scegliere un servizio di sola telefonia fissa non è consigliabile: qualunque sia il vostro profilo di consumazione, da 25 chiamate al mese (suddivise tra telefono fisso e cellulare) a 120 chiamate al mese, sia in orario normale che a tariffa ridotta, il prezzo medio in Francia è tra 23,48 euro/mese e 40 € euro/mese. Più sorprendente tra i sei Paesi in comparazione, per ogni profilo, notare come evolvono tutti nella stessa forchetta di prezzo, prova dello scarso utilizzo di questo tipo di offerte rispetto alle offerte packs. Lo studio denota come la Francia sia in ribasso sulla telefonia fissa, rispetto allo scorso anno.

Internet mobile

Altra categoria che assume rilievo con il moltiplicarsi dei tablets che i costruttori spingono molto per una connessione universale e nomade: le offerte internet “stand alone”; anche in questo caso è più vantaggioso essere in Francia, poiché tra 2 GB e 5 GB, vi costerà 10,10 €! Il meno caro tra i sei Paesi. In Germania si arriva al doppio: 21,49 €! Per dei volumi più elevati, tra 5 GB e 10 GB, la Francia scende di una posizione: è il Lussemburgo il Paese meno caro: 14,15 euro/mese, contro 19,76 euro/mese per la Francia. Detto ciò, ciascuno dei Paesi in comparazione ha visto diminuire fortemente la tariffa dell’internet “stand alone”, rispetto all’anno passato. Lo studio evoca una possibile correlazione tra il prezzo medio dell’internet mobile “stand alone” e la messa a disposizione di hotspots wifi, sui quali i tablets possono connettersi. In questo modo vi è una minore pressione concorrenziale. Inoltre, secondo l’IBPT, la differenza di prezzo gioca anche sul tipo di connessione disponibile: 3G o 4G.

Le offerte raggruppate: internet e telefonia fissa

Con le offerte raggruppate, la Francia non fa distinzione alla sua posizione favorevole: un cliente che sceglierà una formula con Internet (velocità da 30 a 100 Mbits/s) e telefono fisso, non pagherà che 34,15 euro/mese in Francia, contro 52,86 euro/mese in Lussemburgo, e 43,20 euro/mese in Germania. Se si utilizzerà il telefono fisso per chiamare in maniera più massiva, in Francia mediamente si pagherà 2 euro in più per 70 chiamate al mese, suddivise tra orari a tariffa normale e a tariffa ridotta, verso cellulari e numeri fissi.

Le offerte raggruppate: internet, telefonia fissa e TV

L’offerta base, il “triple-play”, che include la TV, è divisa nello studio in due categorie, a seconda della velocità di connessione: ovvero, tra 30 e 100 Mbits/s, e superiore a 100 Mbits/s. La Francia è ancora la meno cara: 35,27 euro/mese se non si utilizza il telefono, e appena 1,57 euro/mese in più con 70 chiamate. I lussemburghesi pagano più di tutti con 50 euro/mese, ed addirittura oltre 81 euro/mese, in caso si scelga una tariffa comprensiva di oltre 70 chiamate. Passare a più di 100 Mbits/s non costerà molto di più in Francia: il prezzo medio resta leggermente al di sotto di 40 euro/mese. È sorprendente notare come in alcuni Paesi l’utilizzo della telefonia fissa impatti in maniera minimale, mentre in altri Paesi è fatturata in toto. Nel caso del “triple-play”, la Germania non è più il Paese più caro, ma si piazza al centro della classifica. In questo caso il prezzo oscilla tra 55 euro/mese e 60 euro/mese, molto più caro che Francia. Per quanto riguarda il “quadruple-play”, che vede aggiungersi l’offerta per la telefonia mobile, sulle offerte superiori a 100 Mbps/s, la Francia si posiziona come Paese meno caro, con un’offerta media che varia tra 53 euro/mese e 56 euro/mese, comprensiva di 100 minuti di chiamate dal proprio cellulare e 500 MB di connessione internet. La Francia conferma il suo ruolo primario nelle tariffe delle telecomunicazioni.

Giovanni D’avanzo

Nessun Commento

Lascia un commento