Il Museo Christian Dior a Granville, in Normandia

Christian Dior è stato uno degli stilisti più amati di tutti i tempi. La sua casa, oggi diventata museo, è stata il teatro della sua primissima infanzia, fino al 1911, quando la famiglia si trasferì dalla Normandia a Parigi e la casa diventò il luogo di villeggiatura estiva. Dior era molto legato alla sua casa sulla scogliera, non lontano dal Mont Saint-Michel e con vista mozzafiato sul mare del Nord. Nella sua autobiografia “Christian Dior et moi”, lo stilista ne scrisse commosso, “la casa della mia infanzia… ne conservo un ricordo tenero e meravigliato. Che dire? La mia vita, il mio stile, devono quasi tutto alla sua posizione, alla sua architettura”.

Costruita alla fine del XIX° secolo, la villa “Les Rhumbs” deve il suo nome al termine marino che designa le trentadue divisioni della rosa dei venti, simbolo che viene raffigurato in un mosaico sul pavimento di uno degli ingressi della grande casa.

Quando, nel 1932, poco dopo la morte di Madeleine Dior, il padre industriale viene rovinato dalla crisi, la proprietà viene messa in vendita. Acquistata successivamente dallo stesso comune di Granville, il suo giardino verrò aperto al pubblico fin dal 1938. Poi, sotto l’impulso del curatore Jean Luc Dufrense, parente dei Dior, si materializza via via il progetto di trasformare la villa “Les Rhumbs” in un luogo dedicato alla memoria di Christian Dior.

Così, nel 1987, la mostra « Christian Dior, l’autre lui-même” al museo d’Arte moderna Richard Anacréon a Granville è l’occasione per la creazione di un fondo al quale contribuiscono prima i parenti più prossimi dello stilista, tra cui le due sorelle Catherine e Jacqueline, e i suoi collaboratori. A questo il curatore aggiunge delle acquisizioni da parte della città di Granville e poi degli investimenti da parte di Dior Couture e Dior Parfums, del gruppo LVMH e del Fondo regionale di acquisizione per i musei. E così, finalmente, nel 1997, la villa diventa “Musée Christian Dior”, unico museo di Francia ad essere interamente dedicato ad uno stilista.
Nel centenario della nascita dello stilista, nel 2005, sono stati fatti importanti lavori ed è stata organizzata una mostra spettacolare e riconosciuta di interesse nazionale, “Christian Dior, uomo del secolo”,

Attualmente l’associazione è presieduta da Jean-Paul Claverie, Consigliere del Presidente di LVMH, e gestisce il museo, conducendone il progetto culturale, delegata dalla città di Granville. L’associazione ha il supporto di numerosi partner, pubblici e privati. Se, infatti, le mura e le collezioni del museo sono di proprietà della città di Granville, il finanziamento e la gestione delle varie attività sono di competenza dell’associazione, il cui scopo è quello di conservare le collezioni e arricchirle grazie ad una politica attiva di acquisizioni in modo da far conoscere l’opera di Christian Dior attraverso mostre e manifestazioni culturali organizzate nel contesto della villa.

Dal 2010, oltre ad una mostra tematica annuale, il museo organizza un’esposizione primavera-estate e una autunno-inverno, che presentano le sue collezioni permanenti e le acquisizioni più recenti. Tra le due esposizioni, il museo resta chiuso al pubblico. Nel giugno 2012, il museo riceve il prestigioso titolo “Maison des Illustres” dal Ministero della Cultura.

Situata all’interno del museo, i visitatori potranno approfittare di una visita alla boutique, che propone un’ampia scelta di opere legate alle tematiche della moda in generale e a quella di Christian Dior in particolare, di libri e cataloghi delle ultime esposizioni temporanee, ma anche di cartoline, poster e profumi storici della casa Dior. Inoltre, il bellissimo giardino della villa è aperto al pubblico tutto l’anno, con accesso gratuito.

Informazioni pratiche

Dove: Villa Les Rhumbs, Rue d’Estouteville – 50400 Granville

Chiara Casamenti

Nessun Commento

Lascia un commento