Il mercato immobiliare in Francia e gli investimenti italiani

La Francia è da sempre una delle destinazioni preferite per gli stranieri che decidono di comprare la seconda casa all’estero. Dallo stile e dal glamour della Costa Azzurra, ai vigneti profumati di Bordeaux, dai paesaggi innevati delle Alpi alla vita cosmopolita di Parigi, la Francia è un paese perfetto per tutti i gusti. Gli italiani sempre di più scelgono la Francia per acquistare la seconda casa e il motivo è del tutto economico. Con un milione di euro in Italia si compra un appartamento – di classe, ma pur sempre un appartamento – in una grande o media città.

In Francia – dove la pressione al ribasso sui prezzi immobiliari è in atto da tempo – si acquista, per esempio, un maniero in Normandia del 17° secolo, dotato di 13 stanze, per una superficie abitabile di 430 metri quadrati, con parco di tre ettari arricchito da due laghetti, grande piscina e una guest house da ristrutturare. A pochi chilometri c’è una stazione della linea ad alta velocità che porta a Parigi. Un caso? Tutt’altro. Un appartamento “due pièce” nel centro di Nizza può essere acquistato per circa €150,000 – un miraggio nelle città italiane.

I siti Internet delle agenzie immobiliari d’Oltralpe sono ricchi di decine di migliaia di offerte altrettanto convenienti. Ma attenzione gli italiani più lungimiranti (ben il 15%) hanno acquistato fra il 2000 e 2010 oggi la situazione economica Europea non è più rosea, anche se la Francia resta il paese più vicino in cui è ancora possibile investire ecco perché…

Come comprare una proprietà in Francia

Il sistema legale Francese potrebbe essere molto diverso rispetto a quello italiano per questo motivo è consigliabile affidarsi ad un legale per la vostra rappresentanza. Un acquisto lungimirante è La formula di acquisto denominata “viager” (vitalizio) è molto diffusa in Francia e, in particolare, in Costa Azzurra. Si tratta di una operazione nella quale si acquista un immobile con il pagamento di una parte del prezzo mediante la costituzione di una rendita vitalizia a beneficio del o dei Venditori e può rappresentare un lungimirante e conveniente investimento per il futuro di tutta la famiglia. Il pagamento viene effettuato mediante una caparra denominata “bouquet”, oltre un vitalizio mensile che l’acquirente si impegna a pagare a beneficio del o dei venditori per l’intera durata della loro vita.

Convenienza ad investire all’estero?

Attenzione alla bolla immobiliare Il calo dei rendimenti, alto tasso di posti vacanti: gli analisti temono che la bolla del mercato immobiliare francese stia per scoppiare. La situazione del mercato immobiliare in Francia fa pensare a molti analisti che una bolla sia sul punto di scoppiare. L’Alto Consiglio per la stabilità finanziaria (HCFS), teme che il mercato immobiliare commerciale possa subire una “correzione significativa”, e che il suo valore sia sovrastimato per una percentuale “tra il 15 % e il 20 %, Secondo gli esperti, il mercato immobiliare francese sta mostrando tutti i segni di possibile crollo. In primo luogo, i prezzi stanno salendo: dopo aver iniziato a crescere di nuovo nel 2010 i prezzi degli immobili francesi hanno superato i loro livelli del 2007 pre-crisi nel 2015. Il calo dei tassi di interesse in Francia è stato più veloce rispetto al calo dei redditi di locazione, così l’immobile è stato visto come un “investimento sicuro”. Non solo. Gli intenti puramente speculativi di alcuni investitori che comprano, rinnovano e vendono le proprietà nel giro di breve tempo devono essere tenuti in considerazione.

Quindi … investire si o no?

La Francia sta comunque cercando soluzioni e offre formule fiscali per agevolare gli investimenti, cosi il governo ha creato la formula per un investimento finanziario a basso rischio o addirittura strumento di previdenza integrativa. Professionisti e sviluppatori legati al mercato francese stanno cercando di diffondere in Italia l’acquisto tramite la formula dell’Lmnp (Loueur meublè non professionel, che in italiano suona circa “Affittacamere ammobiliate non professionista”). Una soluzione per investire in immobili molto vantaggiosa fiscalmente, grazie a benefici concessi dal governo di Parigi, che permette in sostanza di mettere a reddito l’abitazione agendo come ditta individuale, e non come privato. E di pagare poche, se non addirittura zero tasse.

Mariarosa Salvucci

Nessun Commento

Lascia un commento